Coniglio nano: tutto quello che devi sapere

Il coniglio nano domestico è tra gli animali da compagnia più amati nel mondo, dopo il cane e il gatto. Il suo aspetto buffo e tenero lo rende irresistibile e prendersene cura non è neanche complicato.

Detto anche coniglio nano toy, il coniglio nano domestico è un erbivoro di piccole dimensioni, ridotte rispetto ad altre razze. Misura al massimo 30-50 centimetri e arriva a pesare fino a 1400 grammi. La corporatura è arrotondata, il pelo è morbido e folto, in diverse tinte, le zampe sono corte e la testa è molto grande.

Se trattato con cura, con visite periodiche e la corretta alimentazione, l’aspettativa di vita del coniglio nano è di ben 12 anni.

Quali conigli nani esistono?

Non esiste solo una varietà di coniglio nano domestico, ma diverse:

  • coniglio nano testa di leone, che si riconosce per le piccole orecchie ripiegate su se stesse e per il pelo leggermente più folto all’altezza del collo;
  • coniglio nano olandese, che si distingue dalle altre varietà per la V rovesciata sul muso;
  • coniglio polacco, detto anche coniglio ermellino, bianco, dalle orecchie piccole, con occhi spesso di colore rosso e con il pelo corto;
  • coniglio Dwarf Hotot, con un mantello bianco e un anello scuro intorno agli occhi;
  • American Fuzzy Lop, il più grande di tutti i conigli nani con orecchie lunghe e pendenti;
  • coniglio nano d’Angora, spesso in grado di raggiungere il chilo e mezzo di peso, in quanto il suo DNA è composto da quello del coniglio Angora francese.

Ognuna di queste varietà ha delle caratteristiche fisiche leggermente diverse dalle altre e variano anche lievemente le abitudini e l’indole. Tuttavia, si tratta in ogni caso di razze di conigli docili, affettuose e semplici da allevare in casa.

Cose da sapere prima di acquistare un coniglio nano domestico

Nonostante il coniglio nano domestico non richieda particolari sforzi per prendersene cura, comunque, per il suo benessere, è bene conoscere alcune caratteristiche che distinguono questo tenero animaletto. Innanzitutto, non dobbiamo aspettarci che il nostro coniglietto venga spesso a cercarci per farsi fare le coccole, come potrebbe invece fare un cane.

I conigli sono innocui e si lasciano accarezzare, ma non sono alla costante ricerca del proprio padrone per avere dell’affetto. Soprattutto, sono abbastanza schivi nei confronti degli sconosciuti ed è meglio non insistere se l’animale non vuole farsi toccare, perché potremmo metterlo a disagio.

Quando lo coccoliamo, dobbiamo fare particolare attenzione alle orecchie, che sono parti sensibili e molto delicate. Attenzione poi a come li si coccola: possono essere sollevati con calma, oppure accarezzati mentre si trovano nella loro gabbietta. Assolutamente è sconsigliato porli in posizione supina con le zampette verso l’alto, in quanto il coniglio nano cade in una sorta di trance.
Quando si trovano in questo stato, i conigli provano una paura molto forte che danneggia il loro benessere.

Parlando poi delle abitudini quotidiane dei conigli nani, questi animali sono abituati a vivere in branco e lontani dai rumori. Pertanto, è preferibile comprarne sempre più di uno, in modo che socializzino e non si sentano soli. Non sono, in generale, animali che amano stare in uno spazio chiuso da soli. La sola presenza del padrone li rilassa, mentre la vicinanza con altri simili è preferibile.
Per quanto riguarda i rumori, le orecchie del coniglio nano sono molto sensibili ed è facile che l’animale si spaventi molto quando ne sente uno forte o improvviso.

Per quanto riguarda le attività che i conigli svolgono quotidianamente, essi sono abituati a scavare e rosicchiare. Ecco perché conviene acquistare una gabbia molto ampia e con tanti stimoli per evitare che l’animale provi disagio e depressione.

Si tratta, infine, di animali molto puliti, che si occupano da soli della loro igiene. Tuttavia, bisogna valutare l’acquisto di un coniglio nano domestico solo se si ha tempo di spazzolarli, se a pelo lungo, e di cambiare abitualmente la lettiera. Inoltre, periodicamente, il coniglio necessita di un taglio delle unghie.

Cosa mangiano i conigli nani?

I conigli nani mangiano erba, tarassaco, trifoglio, borragine, dente di leone, lamium e rosicchiano fieno. Quindi, queste erbe non devono mai mancare nella loro dieta. Tuttavia, non disdegnano neanche verdure come catalogna, radicchio, cicoria, insalata belga, insalata romana, scarola, indivia sedano e finocchio.

Non sono predatori e non mangiano carne, dunque bisogna sempre assicurarsi che abbiano abbastanza cibo a disposizione.

Nonostante i cartoni animati ci abbiano insegnato che i conigli mangiano carote, in realtà questa verdura non fa particolarmente bene al loro apparato digerente. Possono ingurgitarla, certo, ma con moderazione. Le carote per i conigli sono un po’ come i cioccolatini per gli esseri umani: se consumati una volta o due al giorno possono dare piacere, ma se si esagera si rischia di avere un bel mal di pancia.

Non bisogna dare al coniglio nano domestico del cibo dalla tavola. Ovviamente, è vietata la carne, così come il pesce. Tuttavia, anche cibi a base di carboidrati o confezionati possono danneggiare molto la salute del nostro piccolo animale domestico.

La gabbia per il coniglio

Come preparare la casa in modo da accogliere al meglio il proprio coniglietto? Necessariamente serve una gabbietta, possibilmente molto ampia e che mostri tutti i suoi lati, in quanto ai conigli piace molto nascondersi e non sempre i padroni riescono a trovarli. Questa deve essere posta in un luogo luminoso della casa, asciutto e lontano da fonti di calore eccessive, come i termosifoni.

OffertaBestseller No. 1
Yaheetech Gabbia per Coniglio Nano Criceti da Interno Esterno Animali Domestici...
  • Costruzione Robusta in Metallo: La gabbia è realizzata in metallo resistente con finitura in vernice martellata atossica, questa gabbia per piccoli...
  • Spaziosa e a Due Piani: se avete un animale pimpante o più animali domestici, questa gabbia per animali domestici 78x51x137cm vi sarà molto utile...
  • Sicuro: le due porte a battente sono tutte assicurate da serrature, facendo in modo che anche il vostro animaletto più piccolo non possa aprirle. Le...
Bestseller No. 2
Yaheetech Gabbia per Coniglio Nano da Interno Esterno a 5 Ripiani Animali...
  • Robusto e Durevole: il corpo principale della gabbia è costruito con tubi quadrati metallici di alta qualità da 13 mm e fili da 4 mm; superficie...
  • Spazioso: dimensioni complessive: 64 x 43 x 131 cm, la gabbia per animali consente a diversi piccoli animali domestici di divertirsi allo stesso...
  • Spostamento Facile: la gabbia per animali contiene 4 ruote orientabili robuste che garantiscono un facile e liscio movimento.
Bestseller No. 4
Ferplast Rabbit 100 - Gabbia per interni
  • Gabbia per conigli adulti
  • Ferplast Rabbit 100 - Gabbia per interni
  • Ferplast Rabbit 100 - Gabbia per interni
OffertaBestseller No. 5
Ferplast Gabbia per Conigli CASITA 80, Porcellini d'India Piccoli Animali, Tetto...
  • Ampia e confortevole gabbia per conigli e porcellini d'india, realizzata in rete metallica verniciata con fondo in resina termoplastica
  • Tetto arrotondato completamente sollevabile per accedere all’interno, forma che assicura grande spazio all'animale
  • Cornice superiore in plastica provvista di clip di bloccaggio

Una buona gabbia, inoltre, è dotata di un fondo con una copertura per evitare che il coniglio spruzzi urina o getti fieno fuori dalla rete. Insieme alla gabbia, è bene comprare anche delle lettiere da posizionare in punti della casa dove il coniglio è solito recarsi. Questo consentirà di risparmiare tempo nella pulizia di tappeti e pavimenti, garantirà igiene e non porterà alla formazione di cattivi odori.

La gabbietta sarà il punto nevralgico della vita del coniglietto, ma puoi lasciarlo libero di esplorare la casa, possibilmente limitandolo a una stanza sola. In questo luogo, però, non ci devono essere prese di corrente, spigoli o altri oggetti pericolosi. Attenzione anche alla convivenza con cani e gatti, i quali sono di natura dei predatori.

La gabbia deve essere dotata di ciotole per l’acqua e per il cibo, possibilmente in vetro o alluminio, facili da pulire e che tengono lontani i batteri.

Tornando all’allestimento della gabbia, bisogna mettere sul fondo del fieno, segatura o paglia, per rendere morbida la seduta del coniglietto. Questo spessore di materiale deve essere almeno di 10 cm. Non usare la moquette o del tessuto, in quanto i conigli adorano rosicchiare e potrebbero avere blocchi intestinali se ingerissero materiale sintetico.

All’interno della gabbia, poi, puoi aggiungere degli elementi decorativi e stimolanti, che consentono al coniglio di non annoiarsi. Vanno bene le piante, i giocattoli, dei sassi, ma ricorda sempre che i conigli amano mordere e quindi i materiali introdotti non devono causare loro problemi di digestione.

Come leggere i segnali del coniglio nano

Concludiamo questo articolo con qualche curiosità sul comportamento dei conigli nani. Come i cani, i gatti e anche gli esseri umani, anche i conigli hanno un loro sistema di segnali per comunicare con l’esterno. Il verso del coniglio è tipicamente un lieve grugnito che indica che l’animale sta bene e sta semplicemente provando a comunicare il suo benessere all’esterno.

Quando invece è infastidito, ringhia. Se squittisce o batte le zampe posteriori, significa che sta percependo un pericolo, come un cane domestico, un gatto o un estraneo che si sta avvicinando a lui.

A volte potresti notare il tuo coniglietto mentre gira in tondo su se stesso. Non ti devi preoccupare, anzi, è un segno di compiacimento nei confronti del padrone. Se al contempo, poi, digrigna i denti senza emettere alcun rumore, il coniglietto ti sta dicendo che sta bene ed è pronto ad accogliere il tuo affetto, un po’ come quando i cani si avvicinano scodinzolando o i gatti fanno le fusa. Lo stesso discorso vale quando il coniglio dà dei colpetti con il naso. E’ il suo modo per esprimere affetto verso l’altro.

Infine, devi sapere che anche i conigli marcano il loro territorio come molti altri animali. Con le zampette anteriori, prelevano del sudore che viene emanato dal mento e lo collocano nei punti che vogliono marcare. Quindi, se vedi un coniglio toccarsi il mento, sta semplicemente affermando che quel territorio è suo.

Ora che sai come si comporta un coniglio nano domestico e come prendersene cura, è il momento di cominciare la tua favolosa avventura con lui!

Saremmo felici di sapere cosa ne pensi!

Lascia un commento

Animaledomestico.net
Logo